Studio dentistico Lamezia Terme
Studio dentistico Lamezia Terme



Articoli




RIMOZIONE DELL'AMALGAMA DENTALE


 

Quando parliamo diamalgama dentale ci riferiamo ad  un materiale composito a matrice metallica usato in odontoiatria conservativa per otturazioni e ricostruzioni dirette. Gli elementi presenti nella sua composizione sono mercurio (45-50% circa del contenuto totale), argento (~22-32%), stagno (~11-14%), rame (~6-9%), zinco (~2%). Nel linguaggio comune le otturazioni ottenute con questo materiale venivano frequentemente chiamate piombature, nonostante la totale assenza di piombo.
Il mercurio è un metallo pesante ed in quanto tale un suo accumulo all’interno dell’organismo è tossico .E’ un elemento volatile, ed anche dalle fasi stabilizzate che costituiscono le otturazioni in amalgama una piccola quantità tende a liberarsi e ad essere parzialmente assorbita dal corpo umano tramite inalazione, per poi essere eliminato con le urine . Il tessuto dove tende maggiormente ad accumularsi è quello nervoso,, da qui il timore che possa essere causa di ansia ,astenia fino a vere e proprie patologie quali la sclerosi multipla , non sarebbe un caso che alcuni moderni protocolli per il trattamento di queste malattie è la terapia chelante, ma tutto ciò è attuale dibattito scientifico; anzi a dire il vero è un dibattito antico . oggi negli studi moderni non si usa piùl’amalgama ma rimane il problema di come rimuoverla senza intossicare se stessi ed il paziente .
La forma accettata dai dentisti più vicini alla odontoiatria naturale e biologica è:
RIMOZIONE AMALGAMA CON TRIPLA PROTEZIONE
Nella fattispecie, lo scopo è rimuovere l'amalgama, limitando al massimo lo sviluppo di vapori di mercurio e dechelare quello ancora presente negli organi interni

Ecco allora gli strumenti per raggiungere l'obiettivo: diga di gomma, fresa in carburo di tungsteno (nuova) ad ogni amalgama, doppio aspiratore chirurgico a meno di 1 cm. dall'amalgama, rimozione in pezzi più grossi possibili, abbondantissima irrigazione d’acqua, copertura del volto e degli occhi del paziente. Uso dell’ ossigeno assicurato alle narici con apposite mascherine o cannule aderenti, presenza di maschere d’aspirazione di zona e ricircolo dell’aria o areazione immediata e continua dello studio con finestra dello studio aperta

Con questo, la stragrande maggioranza del lavoro, almeno per il 99% dei casi è fatta; restano ancora da considerare i mezzi di protezione individuale degli operatori e, l’eventuale fornitura d’ossigeno al paziente.
La rimozione delle otturazioni dentali d’amalgama, essendo affidata all'intervento del trapano, è un’operazione ad elevato rischio a causa della vaporizzazione del mercurio, contenuto nelle otturazioni stesse; quest’attività richiede una gestione d’enorme attenzione.

Si parla spesso della rimozione terapeutica dell'amalgama dentale , un'intossicazione acuta di mercurio, prodotta dalla vaporizzazione dell'amalgama rimossa, che si aggiunga all’intossicazione cronica, a causa delle micro-dosi rilasciate per anni dalle stesse otturazioni presenti in bocca, non è di beneficio in nessun caso.

MINI PROTOCOLLO DI RIMOZIONE DELL’AMALGAMA DENTALE

Evitare assolutamente rimozioni , durante l´ALLATTAMENTO, in GRAVIDANZA o se non si ha copertura contraccettiva e/o si pensa di fare figli nell’arco di 1-2 anni (la quantità di mercurio in circolo durante la rimozione e nella fase di detossificazione, può essere ragguardevole).
. Evitare SEMPRE la PULIZIA DEI DENTI, con lo strumento ultrasonico del dentista, in caso d’amalgame ancora presenti (farsi eseguire la pulizia manuale).
Mantenere, almeno, 1-2 evacuazione delle feci il giorno, durante il periodo delle rimozioni per evitare un riassorbimento intestinale delle tossine (erbe svizzere, prugne scolate a bagno dalla sera prima, cloruro di magnesio, crusca, bere a digiuno, ecc...). assumere vitamina C e carbone attivo, bere almeno due tre litri di acqua al giorno uso di drenanti fitoterapici e/o omeopatici e di terapia chelante sistemica. i drenanti omotossicologici sono particolarmente indicati

Correlati

spazzolino elettrico

Apri
sindrome di sjogren

Apri
5 erbe par la salute dei denti

Apri
fitoterapia nella cura delle malattie della bocca

Apri
sbiancare i denti con il bicarbonato di sodio

Apri
denti e flora batterica

Apri
denti e sport

Apri
scialolitiasi

Apri
apnee notturne

Apri
cellule staminali e denti

Apri
attenzione a come chiudete la bocca

Apri
dimensione caratteri raschietto linguale

Apri
IMPIANTI SHORT

Apri
COSTO STUDIO DENTISTICO

Apri
l'abtment amortizzato in titanio

Apri
IMPLANTOLOGIA MINIMAMENTE INVASIVA

Apri
Quali sono gli impianti dentali meno invasivi

Apri
EFFETTI BENEFICI DELLE STATINE NELLA MALATTIA PARADONTALE

Apri
TEST SALIVARE PREVENZIONE CANCRO E PATOLOGIE RENALI

Apri
PROBLEMATICHE PROSTATICHE E MALATTIA PARADONTALE

Apri
RIMOZIONE DELL'AMALGAMA DENTALE

Apri
GENGIVITE ED ALIMENTAZIONE

Apri
ANTIBIOTICOTERAPIA IN ODONTOIATRIA

Apri
COS'E' LA PLACCA BATTERICA?

Apri
TUMORI DEL CAVO ORALE , ALLARME E LINEE GUIDA:

Apri
ESISTE UNA CORRELAZIONE TRA MALATTIE PANCREATICHE E MALATTIA PARADONTALE?

Apri
C'E' UNA CORRELAZIONE TRA ASMA , MALATTIE RESPIRATORIE E SANGUINAMENTO GENGIVALE?

Apri
CORRELAZIONE TRA OBESITA' E MALATTIA PARADONTALE

Apri
Malattie parodontali e rischio di cancro al seno nelle donne in meno pausa.

Apri
IMPORTANZA DELLA VITAMINA D

Apri
GRAVIDANZA E MALATTIA PARADONTALE

Apri
Trascurare l`igiene orale potrebbe causare l`infarto

Apri
MAL DI SCHIENA E CURE ODONTOIATRICHE

Apri
I DISTURBI RESPIRATORI DEL SONNO : RUOLO DEGLI ODONTOIATRI

Apri
LEUCOPLACHIA VERRUCOSA PROLIFERATIVA

Apri