Studio dentistico Lamezia Terme
Studio dentistico Lamezia Terme



Articoli




EFFETTI BENEFICI DELLE STATINE NELLA MALATTIA PARADONTALE


 

Il livello alto di colesterolo predispone a malattie cardiovascolari, come anche altre malattie degenerative. Una corretta igiene orale può essere importante per la prevenzone di molte patologie.

Ricerca e scienza stanno sempre più valutando con attenzione gli effetti delle statine sulle malattie parodontali.
Le statine nascono per il controllo lipidico e la riduzione del colesterolo vengono anche comunemente usate per controllare le malattie cardiovascolari e cerebrovascolari. Le statine hanno inoltre un effetto antinfiammatorio.

Così, le statine potrebbero inibire l’infiammazione, tramite inibizione della via del colesterolo intracellulare interferendo con la funzione della proteina interleuchina (IL) -1 nelle sue due forme attive, IL-1 α e IL-1 β codificate da geni separati.
Entrambe sono potenti molecole pro infiammatorie e sono i costituenti principali di quello che una volta si chiamava fattore di attivazione osteoclastica.
Il dosaggio del fluido crevicolare, tramite test orali, fornisce un mezzo semplice per studiare il fattore di risposta al cambiamento dei costituenti nel liquido.
L’essudato infiammatorio da microcircolazione gengivale raccoglie molecole di potenziale interesse dalla reazione infiammatoria locale.
Il fluido offre una grande potenziale fonte di fattori come mediatori infiammatori.
L’aumento di mediatori infiammatori del fluido sulculare può essere di valore diagnostico nella valutazione dello stato di malattia parodontale.

I soggetti selezionati sono stati raggruppati in due gruppi

Gruppo-I consiste di soggetti con parodontite cronica generalizzata e in terapia con statine

Gruppo-II soggetti con parodontite cronica generalizzata ma non in terapia con statine

La definizione di parodontite cronica generalizzata presentava i seguenti criteri di inclusione;
Soggetti con perdita di attacco clinico di 3−5 mm in oltre il 30% dei siti. Altri criteri di inclusione erano. Soggetti con numero minimo di 15 denti, valutazione indice di placca e indice gengivale per entrambi i gruppi.
Nel gruppo-I soggetti erano trattati con atorvastatina con dosaggio di 20 mg/giorno per un periodo minimo di 6 mesi.
Criteri di esclusione includoevano il diabete mellito ,pazienti fumatori e soggetti in cura con farmaci steroidi a lungo termine e pazienti in terapia parodontale negli ultimi 6 mesi.

Il processo di malattia parodontale è sito-specifico e ha origine multifattoriale dove agenti patogeni parodontali, risposta dell’ospite, valutazione genetica, sistemica e fattori di rischio comportamentali sono fondamentali nello sviluppare e mantenere il processo di malattia.
Quindi, sono state adottate varie misure per la valutazione batterica, genetica, immunologica e sistemica oltre ai tradizionali parametri clinici e radiografici al fine di valutare lo stato parodontale del paziente.

All'interno della ricerca, la media di fluido crevicolare e i livelli di IL-1 β (mediatore infiammatorio) risultavano più bassi nei pazienti in terapia con statine.
Inoltre è stato notato come che la simvastatina riduce la produzione della IL1, IL-6 e IL-8 nelle linee cellulari epiteliali umane coltivate. Questo studio risulta essereuno dei primi per valutare i livelli di IL-1 β in pazienti con parodontite cronica e l’efficacia della statina.
L’effetto antinfiammatorio delle statine è stato dimostrato dal nostro studio e anche da altri studi contemporanei.

Ulteriore motivo del miglioramento parodontale dovuto alle statine potrebbe essere dovuto gli effetti benefici che le statine inducono attraverso la diminuzione dei livelli di colesterolo LDL . Alcuni studi dimostrano che i pazienti iperlipidici sono più inclini alla malattia parodontale.

Atorvastatina simvastatina e, sono farmaci che stanno dimostrando di avere diversi vantaggi nel trattamento delle malattie parodontali. Le proprietà antiossidanti ed antinfiammatorie delle statine localmente trasportate potrebbero ulteriormente facilitare la guarigione dei difetti intraossei parodontali. Tuttavia, studi clinici a lungo termine nei soggetti umani sono necessari per valutare i potenziali benefici delle statine in terapia parodontale rigenerativa.

Lo schema dell’effetto delle statine

Le statine sono ora tra i farmaci più frequentemente prescritti e sono attualmente utilizzate da circa 25 milioni di persone in tutto il mondo. La sicurezza e la tollerabilità delle statine fanno sostenere il loro uso come trattamento first-line per l’ipercolesterolemia. Miopatia (alterazione cellulare o degli spazi interstiziali ) e rabdomiolisi ( danno delle cellule scheletriche ) sono le sue complicazioni più serie delle statine attualmente in commercio, ma si verificano molto raramente.

I pazienti curati con le statine è destinata ad aumentare notevolmente nel prossimo futuro, perché ora sono consigliate anche per le persone con il livello di colesterolo basso o normale, soprattutto come prevenzione secondaria. Lo  studio  riportato ha dimostrato l’effetto antinfiammatorio delle statine sul paziente con parodontite cronica, per cui si deduce un effetto benefico di questi farmaci sulla malattia paradontale

Correlati

spazzolino elettrico

Apri
sindrome di sjogren

Apri
5 erbe par la salute dei denti

Apri
fitoterapia nella cura delle malattie della bocca

Apri
sbiancare i denti con il bicarbonato di sodio

Apri
denti e flora batterica

Apri
denti e sport

Apri
scialolitiasi

Apri
apnee notturne

Apri
cellule staminali e denti

Apri
attenzione a come chiudete la bocca

Apri
dimensione caratteri raschietto linguale

Apri
IMPIANTI SHORT

Apri
COSTO STUDIO DENTISTICO

Apri
l'abtment amortizzato in titanio

Apri
IMPLANTOLOGIA MINIMAMENTE INVASIVA

Apri
Quali sono gli impianti dentali meno invasivi

Apri
EFFETTI BENEFICI DELLE STATINE NELLA MALATTIA PARADONTALE

Apri
TEST SALIVARE PREVENZIONE CANCRO E PATOLOGIE RENALI

Apri
PROBLEMATICHE PROSTATICHE E MALATTIA PARADONTALE

Apri
RIMOZIONE DELL'AMALGAMA DENTALE

Apri
GENGIVITE ED ALIMENTAZIONE

Apri
ANTIBIOTICOTERAPIA IN ODONTOIATRIA

Apri
COS'E' LA PLACCA BATTERICA?

Apri
TUMORI DEL CAVO ORALE , ALLARME E LINEE GUIDA:

Apri
ESISTE UNA CORRELAZIONE TRA MALATTIE PANCREATICHE E MALATTIA PARADONTALE?

Apri
C'E' UNA CORRELAZIONE TRA ASMA , MALATTIE RESPIRATORIE E SANGUINAMENTO GENGIVALE?

Apri
CORRELAZIONE TRA OBESITA' E MALATTIA PARADONTALE

Apri
Malattie parodontali e rischio di cancro al seno nelle donne in meno pausa.

Apri
IMPORTANZA DELLA VITAMINA D

Apri
GRAVIDANZA E MALATTIA PARADONTALE

Apri
Trascurare l`igiene orale potrebbe causare l`infarto

Apri
MAL DI SCHIENA E CURE ODONTOIATRICHE

Apri
I DISTURBI RESPIRATORI DEL SONNO : RUOLO DEGLI ODONTOIATRI

Apri
LEUCOPLACHIA VERRUCOSA PROLIFERATIVA

Apri