Deprecated: __autoload() is deprecated, use spl_autoload_register() instead in /var/www/clients/client0/web14/web/class/emails/PHPMailerAutoload.php on line 45
Studio Dentistico Ennio e Gianmarco Calabria
Dr. Ennio Calabria - Dr. Gianmarco Calabria - Dr.ssa Elena Calabria



Articoli





Le reazioni allergiche ad anestetici locali sono frequenti?



 

"Quanto sono frequenti le reazioni allergiche ad anestetici locali?"

Le reazioni avverse agli anestetici locali avvengono nel 2-5% delle procedure anestesiologiche loco-regionali. Nella grande maggioranza dei casi, tali reazioni sono di tipo tossico, dose, dipendenti, spesso prevedibili e correlabili alla concentrazione ematica elevata dell’anestetico, dovuta ad accidentale iniezione in circolo, somministrazione di quantità eccessiva, biodegradazione lenta da parte del paziente. Le vere reazioni allergiche agli anestetici locali sono molto rare, rappresentando lo 0,6-1% di tutte le reazioni indesiderate ad anestetici locali. Sono da considerare soggetti a rischio solo i pazienti che durante precedenti anestesie locali abbiano presentato nelle 1-2 ore successive alla procedura anestesiologica manifestazioni cliniche compatibili con reazioni allergiche: orticaria, angioedema, asma, edema della glottide, anafilassi. La contemporanea presenza di malattia allergica dimostrata (esempio allergia alimentare, rinocongiuntivite o asma allergica) non costituisce un fattore di rischio per l’insorgenza di allergia ad anestetici locali. Per tale motivo, in questi soggetti non c’è indicazione all'esecuzione di accertamenti allergologici preventivi. I test cutanei per anestetici locali (prick test, intradermoreazioni) non sono standardizzati e nel work up allergologico costituiscono solo l’approccio iniziale, dovendo essere obbligatoriamente seguiti dal test di tolleranza, che si esegue per via sottocutanea somministrando l’anestetico a dosaggi scalari.

 L’anestesia locale consiste  nella riduzione o eliminazione  della  percezione  del  dolore  ricorrendo  a  farmaci  che  interferiscono  con  la conduzione nervosa.  I farmaci anestetici locali esplicano una azione reversibile associata al recupero completo della sensibilità nei tessuti coinvolti. L’effetto anestetico rimane limitato ad  un’area  specifica  mentre  il  paziente  rimane  in  stato  di  coscienza  ovvero  conserva  la capacità  di  comunicare  con  il  dentista  o  l’igienista.  L’analgesia  locale  si  interpreta  come diminuzione  della  sensibilità  durante  la  fase  di  esaurimento  dell’effetto  dell’anestetico locale.

Proprietà degli anestetici locali. 

Gli anestetici locali devono possedere le seguenti proprietà ideali:

  1. azione specifica
  2. azione reversibile
  3. durata d’azione compatibile con l’intervento
  4. non provocare lesioni permanenti
  5. essere chimicamente stabili
  6. avere la capacità di combinarsi con altri agenti senza perdere le proprietà
  7. non provocare allergia
  8. non esercitare effetti additivi con altre sostanze.

Vie di somministrazione degli anestetici locali. 

In odontoiatria, esistono tre vie di somministrazione degli anestetici locali:

  1. la via topica, ricorrendo a creme, sprays e losanghe,
  2. la via infiltrativa, mediante iniezioni dirette nel tessuto prossimo all’area operatoria,
  3. il blocco nervoso, mediante l’iniezione in prossimità di un tronco nervoso.

Competenze del dentista e dell’igienista dentale.

Il dentista o l’igienista dentale, quest’ultimo nei limiti delle proprie competenze, devono essere in grado di:

  1. conoscere il meccanismo d’azione degli anestetici locali,
  2. distinguere fra loro gli anestetici locali aminoamidi ed esteri,
  3. identificare eventuali reazioni allergiche,
  4. saper distinguere fra una allergia da farmaci e le reazioni da paura,
  5. conoscere gli effetti del pH fisiologico sulla attività degli anestetici locali,
  6. conoscere gli effetti dell’infiammazione sulla efficacia degli anestetici locali,
  7. saper riconoscere il significato della aggiunta di epinefrina agli anestetici locali,
  8. descrivere gli effetti sistemici dell’epinefrina,
  9. descrivere gli effetti dei farmaci impiegati in determinate condizioni preesistenti.

Correlati

spazzolino elettrico

Apri
sindrome di sjogren

Apri
5 erbe per la salute dei denti

Apri
fitoterapia nella cura delle malattie della bocca

Apri
sbiancare i denti con il bicarbonato di sodio

Apri
denti e flora batterica

Apri
denti e sport

Apri
scialolitiasi

Apri
apnee notturne

Apri
cellule staminali e denti

Apri
attenzione a come chiudete la bocca

Apri
Carie: un nuovo spray al bicarbonato per prevenirla

Apri
Contro la paura del dentista un aiuto dall'ipnosi

Apri
IMPIANTI SHORT

Apri
COSTO STUDIO DENTISTICO

Apri
l'abtment amortizzato in titanio

Apri
IMPLANTOLOGIA MINIMAMENTE INVASIVA

Apri
Quali sono gli impianti dentali meno invasivi

Apri
EFFETTI BENEFICI DELLE STATINE NELLA MALATTIA PARADONTALE

Apri
TEST SALIVARE PREVENZIONE CANCRO E PATOLOGIE RENALI

Apri
PROBLEMATICHE PROSTATICHE E MALATTIA PARADONTALE

Apri
RIMOZIONE DELL'AMALGAMA DENTALE

Apri
GENGIVITE ED ALIMENTAZIONE

Apri
ANTIBIOTICOTERAPIA IN ODONTOIATRIA

Apri
COS'E' LA PLACCA BATTERICA?

Apri
QUALI FARMACI POSSONO ESSERE USATI NELLA DONNA IN GRAVIDANZA?

Apri
TUMORI DEL CAVO ORALE , ALLARME E LINEE GUIDA:

Apri
ESISTE UNA CORRELAZIONE TRA MALATTIE PANCREATICHE E MALATTIA PARADONTALE?

Apri
C'E' UNA CORRELAZIONE TRA ASMA , MALATTIE RESPIRATORIE E SANGUINAMENTO GENGIVALE?

Apri
CORRELAZIONE TRA OBESITA' E MALATTIA PARADONTALE

Apri
Malattie parodontali e rischio di cancro al seno nelle donne in meno pausa.

Apri
IMPORTANZA DELLA VITAMINA D

Apri
GRAVIDANZA E MALATTIA PARADONTALE

Apri
Trascurare l`igiene orale potrebbe causare l`infarto

Apri
MAL DI SCHIENA E CURE ODONTOIATRICHE

Apri
I DISTURBI RESPIRATORI DEL SONNO : RUOLO DEGLI ODONTOIATRI

Apri
LEUCOPLACHIA VERRUCOSA PROLIFERATIVA

Apri
Traumi da occlusione ed effetti parodontali

Apri
Gli effetti del fluoruro stannoso sulla polpa e sulla dentina

Apri
L’alveolite post-estrattiva o alveolite secca

Apri
La lingua a carta geografica o glossite migrante benigna

Apri
La pericoronite del dente del giudizio

Apri
Perché un dente devitalizzato fa male?

Apri
Allineatori trasparenti: Invisalign e altri. Controinformazione.

Apri
Parliamo dell'uso della diga in odontoiatria

Apri
Diamo un calcio al mal di denti

Apri
L'importanza dell'approccio multidisciplinare: infezioni odontogene e fistole extraorali

Apri
IL BRUXISMO

Apri
LO SBIANCAMENTO DENTALE PROFESSIONALE

Apri
FRENULO LINGUALE CORTO E CARIE PREMATURA DENTI DA LATTE

Apri
ASSOCIAZIONE TRA GENGIVITE, PARODONTITE E MALATTIE SISTEMICHE

Apri
LA 'DEVITALIZZAZIONE DI UN DENTE': PERCHÈ SI ESEGUE, CON QUALI METODICHE E COSA COMPORTA

Apri
ENDODONZIA

Apri
IN GRAVIDANZA NON TRASCURATE L'IGIENE ORALE

Apri
LA SEDAZIONE COSCIENTE DIVENTA SEMPLICE E SICURA

Apri
PRIMO CASO IN ITALIA: DENTISTA SOSPESO DALLA PROFESSIONE PERCHÈ NON SI AGGIORNA

Apri
SALUTE DEL CAVO ORALE: L'EROSIONE DENTALE

Apri
BRUXISMO

Apri
PARODONTITE

Apri
Le cellule staminali possono rigenerare i denti dei bambini

Apri
Sorriso made in Italy: vale la pena andare all'estero?

Apri
Sedazione cosciente in odontoiatria

Apri
5 domande salva-gengive. Una App per fare il test. Inutili esame saliva e test genetici

Apri
ODONTOFOBIA - Paura del dentista per 6 persone su 10

Apri
L'anidride carbonica è sotto accusa perché può causare danni ai denti

Apri
Lo Xilitolo nel mantenimento della salute dentale

Apri
Diastema: è solo una questione Estetica?

Apri
Dentista e paziente HIV

Apri
Carie dentale, come prevenirla e cause: non è ereditaria, conta l'igiene

Apri
La dieta ideale per la salute dei nostri denti

Apri
La nevralgia del trigemino: che cos’è e come si cura?

Apri
Uso del collutorio: pro e contro

Apri
Le reazioni allergiche ad anestetici locali sono frequenti?

Apri
Lesioni endo-parodontali

Apri
Carie dentale: quando è necessaria la devitalizzazione?

Apri