Dr. Ennio Calabria - Dr. Gianmarco Calabria - Dr.ssa Elena Calabria



Articoli





Carie dentale, come prevenirla e cause: non è ereditaria, conta l'igiene



 

Carie dentale: non dipende dal DNA, ma dall’igiene - Una recente ricerca ha rilevato che le carie ai denti non dipendono da una predisposizione genetica, ma da fattori ambientali quali l’alimentazione, l’esposizione al fluoro e soprattutto l’igiene dentale. A lanciare la notizia è la rivista Pediatrics che ha pubblicato una ricerca condotta da Mihiri Silva del Dipartimento di Pediatria della Melbourne Medical School in Australia. Gli esperti che hanno partecipato al progetto hanno basato lo studio sul confronto tra gemelli identiti, dunque con Dna identico al 100% e gemelli fraterni, con Dna uguale al 50%. Se vi fosse una predisposizione genetica, i gemelli identici dovrebbero entrambi avere carie o non averne, in percentuale maggiore rispetto ai gemelli fraterni.  Gli esperti australiani hanno coinvolto 250 coppie di gemelli, iniziando a raccogliere dati relativi alla loro salute ancor prima della nascita. Quando i gemelli avevano 6 anni compiuti, le 172 coppie che partecipano ancora allo studio sono state sottoposte ad una visita odontoiatrica. "Non ho trovato alcuna prova di un contributo della genetica", ha affermato Silva al termine dello studio. "Vedo tanti pazienti che pensano di essere predisposti alle carie. È piacevole credere che possiamo dare la colpa ai nostri geni, ma la maggior parte delle volte non è vero" ha proseguito. Dallo studio non sono emerse differenze tra i gemelli identici e i gemelli fraterni. Questo risultato porta i ricercatori a ritenere che le carie dentali non dipendano dal Dna e dunque da una predisposizione genetica.

Carie ai denti, come prevenirle: controllare alimentazione e igiene orale

Cristiano Tomasi dell'Università di Göteborg in Svezia e socio della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia ha sottolineato: "Si tratta di uno studio molto interessante, che mette in luce come il controllo delle abitudini di alimentazione e di igiene orale siano le vere chiavi per prevenire la carie". Dunque, per seguire una perfetta igiene orale non è necessario recarsi dal dentista una volta al mese, sebbene i controlli e le visite frequenti aiutano a mantenere sana la cavità orale e ad intervenire in tempo. Ma l’attenzione e la cura da riservare a denti e gengive deve cominciare a casa e fin dalla tenera età. Se quindi hai figli piccoli o adolescenti che sono pigri o svogliati e che, come spesso accade, fanno di tutto per schivare lo spazzolamento dei denti dopo pranzo o prima di andare a dormire, cerca di porre delle regole inderogabili perché l’igiene orale è basilare: lavaggio, uso corretto del filo interdentale e sciacqui con il collutorio. È necessario lavarsi i denti almeno tre volte al giorno. Farlo dopo i pasti principali è un obbligo verso la corretta pulizia del cavo orale; in verità bisognerebbe assumere la sana abitudine di lavarsi i denti tutte le volte che si mangia qualcosa. Lavarsi spesso i denti aiuta a scongiurare il problema della placca che, se riesce a trovare spazi e tempo per incanalarsi tra denti e gengive, può diventare tartaro, una fastidiosissima barriera solida che solo il dentista riesce a rimuovere. Il tartaro, a differenza della placca che è trasparente, assume una colorazione tendente al giallo e al marrone. Ti consigliamo allora di fare leva sull’aspetto estetico con il figlio adolescente per riuscire a conquistare una routine giornaliera precisa e puntuale. Oltre alle volte in cui è necessario lavarsi i denti, è importante anche utilizzare lo spazzolino nel modo corretto. Ti diamo qualche consiglio: se vuoi essere sicuro di procedere ad una giusta pulizia che vada a fondo e che dia ottimi risultati nel tempo, devi inclinare lo spazzolino di 45° e procedere con movimenti in senso verticale, mai orizzontale. Lo spazzolino deve muoversi dall’alto verso il basso su tutta l’arcata dentale interna e negli spazi interdentali. Non dimenticare mai la lingua: è il posto su cui si depositano più batteri ed è una delle cause principali dell’alitosi. Lo spazzolino deve essere cambiato molto spesso: non usare lo stesso spazzolino per più di due o tre mesi. Scegli sempre un dentifricio che non sia troppo abrasivo perché potrebbe rovinare lo smalto dei denti e verifica sempre che contenga fluoro, la componente che assicura una severa lotta ai batteri. Nel mobile del bagno, oltre a dentifricio e spazzolino, dovrai sempre avere anche un buon collutorio che completa il lavoro, così come il filo interdentale. Tuttavia, se il collutorio può essere usato solo in casi di necessità, del filo interdentale proprio non puoi fare a meno. Lo dovrai usare almeno una volta al giorno e, anche in questo caso, devi sapere come utilizzarlo: calcola sempre un filo di una lunghezza di circa 30, arrotolalo bene sulle dita e inserisci nello spazio interdentale una lunghezza di filo pari a circa 2 cm. Quando cambi spazio, sposta il filo sulle dita ed utilizzane una diversa porzione per evitare il rischio di trasportare i batteri da uno spazio all’altro. Non dimenticare mai che un periodico controllo dal tuo dentista ti aiuta a mantenere il cavo orale sempre in perfetta salute. Per quanto tu possa essere attento e meticoloso nella cura della tua bocca, il dentista riesce ad andare più in profondità e, attraverso una seduta di pulizia dentaria, ad eliminare anche i più piccoli residui di tartaro che si possono formare nonostante un’igiene perfetta. Inoltre, il dentista è in grado di rintracciare le carie quando si sono appena formate; un controllo semestrale può aiutarti a scongiurare il rischio di interventi più gravi e dolorosi nel caso in cui la carie in oggetto si ingrandisca. Prenotare quindi una seduta dal dentista, per quanto possa non risultare sempre piacevole, è un’altra accortezza che devi tenere presente se vuoi che la tua igiene orale sia impeccabile.

 

Carie dentale cause: come evitarle

Le carie sono causate dall’attività di alcuni microrganismi di origine batterica, presenti nel cavo orale e responsabili della formazione della placca batterica. Se questi non vengono rimossi attraverso una corretta ed accurata igiene orale, attaccano lo smalto dei denti e provocano delle lesioni, ossia le carie. Sono numerosi gli studi che hanno dimostrato che la carie dipende, nella maggior parte dei casi, da un’assunzione frequente di zuccheri, soprattutto da parte dei bambini che consumano troppe bevande zuccherate al posto dell’acqua. Dipende inoltre da un’alimentazione a base di cibi acidi, in grado di favorire la corrosione dello smalto dei denti. Anche il tabagismo è una delle principali cause delle carie dentale. Oltre a provocare l’ingiallimento dei denti, altera il ph della bocca, favorendo la proliferazione di batteri.

Correlati

spazzolino elettrico

Apri
sindrome di sjogren

Apri
5 erbe per la salute dei denti

Apri
fitoterapia nella cura delle malattie della bocca

Apri
sbiancare i denti con il bicarbonato di sodio

Apri
denti e flora batterica

Apri
denti e sport

Apri
scialolitiasi

Apri
apnee notturne

Apri
cellule staminali e denti

Apri
attenzione a come chiudete la bocca

Apri
Carie: un nuovo spray al bicarbonato per prevenirla

Apri
Contro la paura del dentista un aiuto dall'ipnosi

Apri
IMPIANTI SHORT

Apri
COSTO STUDIO DENTISTICO

Apri
l'abtment amortizzato in titanio

Apri
IMPLANTOLOGIA MINIMAMENTE INVASIVA

Apri
Quali sono gli impianti dentali meno invasivi

Apri
EFFETTI BENEFICI DELLE STATINE NELLA MALATTIA PARADONTALE

Apri
TEST SALIVARE PREVENZIONE CANCRO E PATOLOGIE RENALI

Apri
PROBLEMATICHE PROSTATICHE E MALATTIA PARADONTALE

Apri
RIMOZIONE DELL'AMALGAMA DENTALE

Apri
GENGIVITE ED ALIMENTAZIONE

Apri
ANTIBIOTICOTERAPIA IN ODONTOIATRIA

Apri
COS'E' LA PLACCA BATTERICA?

Apri
QUALI FARMACI POSSONO ESSERE USATI NELLA DONNA IN GRAVIDANZA?

Apri
TUMORI DEL CAVO ORALE , ALLARME E LINEE GUIDA:

Apri
ESISTE UNA CORRELAZIONE TRA MALATTIE PANCREATICHE E MALATTIA PARADONTALE?

Apri
C'E' UNA CORRELAZIONE TRA ASMA , MALATTIE RESPIRATORIE E SANGUINAMENTO GENGIVALE?

Apri
CORRELAZIONE TRA OBESITA' E MALATTIA PARADONTALE

Apri
Malattie parodontali e rischio di cancro al seno nelle donne in meno pausa.

Apri
IMPORTANZA DELLA VITAMINA D

Apri
GRAVIDANZA E MALATTIA PARADONTALE

Apri
Trascurare l`igiene orale potrebbe causare l`infarto

Apri
MAL DI SCHIENA E CURE ODONTOIATRICHE

Apri
I DISTURBI RESPIRATORI DEL SONNO : RUOLO DEGLI ODONTOIATRI

Apri
LEUCOPLACHIA VERRUCOSA PROLIFERATIVA

Apri
Traumi da occlusione ed effetti parodontali

Apri
Gli effetti del fluoruro stannoso sulla polpa e sulla dentina

Apri
L’alveolite post-estrattiva o alveolite secca

Apri
La lingua a carta geografica o glossite migrante benigna

Apri
La pericoronite del dente del giudizio

Apri
Perché un dente devitalizzato fa male?

Apri
Allineatori trasparenti: Invisalign e altri. Controinformazione.

Apri
Parliamo dell'uso della diga in odontoiatria

Apri
Diamo un calcio al mal di denti

Apri
L'importanza dell'approccio multidisciplinare: infezioni odontogene e fistole extraorali

Apri
IL BRUXISMO

Apri
LO SBIANCAMENTO DENTALE PROFESSIONALE

Apri
FRENULO LINGUALE CORTO E CARIE PREMATURA DENTI DA LATTE

Apri
ASSOCIAZIONE TRA GENGIVITE, PARODONTITE E MALATTIE SISTEMICHE

Apri
LA 'DEVITALIZZAZIONE DI UN DENTE': PERCHÈ SI ESEGUE, CON QUALI METODICHE E COSA COMPORTA

Apri
ENDODONZIA

Apri
IN GRAVIDANZA NON TRASCURATE L'IGIENE ORALE

Apri
LA SEDAZIONE COSCIENTE DIVENTA SEMPLICE E SICURA

Apri
PRIMO CASO IN ITALIA: DENTISTA SOSPESO DALLA PROFESSIONE PERCHÈ NON SI AGGIORNA

Apri
SALUTE DEL CAVO ORALE: L'EROSIONE DENTALE

Apri
BRUXISMO

Apri
PARODONTITE

Apri
Le cellule staminali possono rigenerare i denti dei bambini

Apri
Sorriso made in Italy: vale la pena andare all'estero?

Apri
Sedazione cosciente in odontoiatria

Apri
5 domande salva-gengive. Una App per fare il test. Inutili esame saliva e test genetici

Apri
ODONTOFOBIA - Paura del dentista per 6 persone su 10

Apri
L'anidride carbonica è sotto accusa perché può causare danni ai denti

Apri
Lo Xilitolo nel mantenimento della salute dentale

Apri
Diastema: è solo una questione Estetica?

Apri
Dentista e paziente HIV

Apri
Carie dentale, come prevenirla e cause: non è ereditaria, conta l'igiene

Apri
La dieta ideale per la salute dei nostri denti

Apri
La nevralgia del trigemino: che cos’è e come si cura?

Apri
Uso del collutorio: pro e contro

Apri
Le reazioni allergiche ad anestetici locali sono frequenti?

Apri
Lesioni endo-parodontali

Apri
Carie dentale: quando è necessaria la devitalizzazione?

Apri