Dr. Ennio Calabria - Dr. Gianmarco Calabria - Dr.ssa Elena Calabria



Articoli





Diastema: è solo una questione Estetica?



 

Diastema" è un termine squisitamente medico che indica la presenza di uno spazio largo e vistoso tra due denti contigui. Tipico dei denti incisivi superiori, il diastema appare come un grosso buco nero tra i denti, che a seconda dei gusti e della gravità dona dolcezza e simpatia al sorriso, o ne peggiora l'estetica. Solo di rado il diastema riflette una condizione patologica: il più delle volte, si tratta "semplicemente" di un disturbo estetico di entità paragonabile a quella di un dente storto o di un dente scheggiato. Nonostante quanto affermato, di fatto, il diastema costituisce un problema estetico non da poco: per restituire l'armonia al sorriso sottratta da questo "buco nero", le uniche soluzioni possibili vanno ricercate nei trattamenti correttivi di ortodonzia o negli interventi di restauro con protesi specifiche. Se dico diastema si inizia subito a pensare male. E che sarà? Una pietra preziosa? Una epidemia medievale? L’ultimo singolo trap di successo fra i giovanissimi? Nulla di tutto ciò. Il diastema, tipico dei denti incisivi superiori, è lo spazio vuoto tra due denti vicini. La spiegazione scientifica vede nel diastema il risultato dello sviluppo sproporzionato di un'arcata, inferiore o superiore, rispetto alle dimensioni dei denti corrispondenti. Spesso oggetto di dibattiti e contraddizioni, perché, dal punto di vista estetico, unisce e divide come poche cose. O lo si ama o lo si odia. C’è chi lo ha reso un segno distintivo del proprio look come Kate Moss, trasformandolo in un vero e proprio simbolo del London Look degli anni ’90. Chi invece lo ritiene antiestetico e di cattivo gusto ed è disposto a tutto pur di toglierlo. Madonna, Eddie Murphy, Laura Pausini, Elton John, Ronaldo, addirittura il Principe Harry sono solo alcuni dei personaggi pubblici che sfoggiano il diastema con orgoglio e se anche tu ce l’hai, possiamo tranquillizzarti: è una situazione clinica molto frequente e solo in rari casi patologica, ma che può essere corretta facilmente con trattamenti ortodontici o protesici se richiesto.
Un dentista specializzato e competente può spiegarti come il diastema possa derivare da alcune case principali, che possono essere: un rapporto sproporzionato tra la dimensione dei denti e quelle della mascella, l’ipertrofia del frenulo labiale che impedisce l’avvicinamento dei due incisivi, come la cattiva abitudine di succhiarsi il pollice nei bambini piccoli, nella presenza di cisti dentali follicolari o radicolari.

DIASTEMA: COSTI E SOLUZIONI PER CORREGGERLO

Il costo per sistemare il diastema può variare a seconda della clinica alla quale decidi di rivolgerti, ti basti sapere che comunque non occorrono interventi complessi di implantologia, tanto che talvolta si può addirittura ricorrere all’ortodonzia invisalign, anche se in altri casi, a seconda del parere e dell’esperienza dell’odontoiatra, possono essere necessari interventi più “energici”. Nonostante sia vero che in molti casi il diastema non crei alcun danno patologico alla dentatura, è pur vero che la presenza di un buco tra i denti non rientra nei canoni comuni di bellezza ed è per questo che molte persone richiedono un intervento dentistico anche in assenza di complicanze patologiche.

Le soluzioni più comuni per correggere il diastema sono le seguenti:

  • L’apparecchio ortodontico. Un trattamento di questo genere è consigliabile sopratutto nei giovani, e consiste in un apparecchio fisso o mobile da portare per un periodo di tempo di solito variabile tra i 6 mesi e i 2 anni;
  • Le faccette dentali sono un trattamento riempitivo che rimodellano tutto il dente e lo portano ad una dimensione leggermente più grande di quella originaria, eliminando, così, lo spazio superfluo tra i denti;
  • Le corone dentali sono consigliate quando i denti che formano il diastema non sono sani. In questi casi i denti sono prima curati e poi incapsulati, sia per proteggere il dente sia come riempimento per eliminare il diastema.
  • Trattamento ortodontico per allineare i denti: questo intervento per richiudere il diastema consiste nell'applicazione di un apparecchio, fisso o mobile, sui denti. I risultati però non sono immediati: il diastema può richiudersi dopo 6 mesi-2 anni. L'intervento di ortodonzia è più indicato per i giovani pazienti.
  • Trattamento "riempitivo" con le faccette in ceramica/porcellana: questo intervento è adattao per i diastemi che superano il millimetro di larghezza poichè amplifica la dimensione dei denti, rendendoli visibilmente più grandi. Le faccette in ceramica sono sottili lamine che vengono incollate sulla superficie esterna dei denti: trovano indicazione nel trattamento di denti rotti, scheggiati, dicromici (es. denti gialli o a macchie non rimovibili mediante detartrasi) e per la correzione dei diastemi. In quest'ultimo caso, le faccette estetiche vengono fatte aderire alla superficie di due denti divisi da un diastema: aumentando di superficie, questi denti vengono perfettamente allineati, in modo da riempire il solco.
  • Copertura/sostituzione del dente con corone artificiali (capsule): quando i denti che delimitano un diastema sono cariati e non appartengono ad un paziente più giovanissimo, il rimedio più opportuno è il trattamento dell'infezione attraverso otturazione o devitalizzazione, seguito da un incapsulamento del dente con corone artificiali in ceramica o in zirconio.
  • Impianti dentali: è una strategia piuttosto drastica di chiusura del diastema e può essere eseguita esclusivamente negli adulti, soprattutto in presenza di denti cariati o profondamente infetti.
  • Frenulectomia: riservata ai casi di diastema dipendenti da anomalie strutturali del frenulo gengivale. La procedura consiste nel taglio del frenulo, seguito dalla ricollocazione dello stesso in posizione corretta. Quando la frenulectomia viene eseguita ad un bambino, il diastema tende a richiudersi spontaneamente; diversamente, nell'adulto, l'intervento dev'essere supportato dall'applicazione di un apparecchio.

CONCLUSIONI

Come sempre, prima di prendere ogni decisione, è bene confrontarsi con il proprio dentista di fiducia e affidarsi solo a studi dentistici di primissimo livello e professionalità, anche per problemi relativamente di facile soluzione come il diastema.

Correlati

spazzolino elettrico

Apri
sindrome di sjogren

Apri
5 erbe per la salute dei denti

Apri
fitoterapia nella cura delle malattie della bocca

Apri
sbiancare i denti con il bicarbonato di sodio

Apri
denti e flora batterica

Apri
denti e sport

Apri
scialolitiasi

Apri
apnee notturne

Apri
cellule staminali e denti

Apri
attenzione a come chiudete la bocca

Apri
Carie: un nuovo spray al bicarbonato per prevenirla

Apri
Contro la paura del dentista un aiuto dall'ipnosi

Apri
IMPIANTI SHORT

Apri
COSTO STUDIO DENTISTICO

Apri
l'abtment amortizzato in titanio

Apri
IMPLANTOLOGIA MINIMAMENTE INVASIVA

Apri
Quali sono gli impianti dentali meno invasivi

Apri
EFFETTI BENEFICI DELLE STATINE NELLA MALATTIA PARADONTALE

Apri
TEST SALIVARE PREVENZIONE CANCRO E PATOLOGIE RENALI

Apri
PROBLEMATICHE PROSTATICHE E MALATTIA PARADONTALE

Apri
RIMOZIONE DELL'AMALGAMA DENTALE

Apri
GENGIVITE ED ALIMENTAZIONE

Apri
ANTIBIOTICOTERAPIA IN ODONTOIATRIA

Apri
COS'E' LA PLACCA BATTERICA?

Apri
QUALI FARMACI POSSONO ESSERE USATI NELLA DONNA IN GRAVIDANZA?

Apri
TUMORI DEL CAVO ORALE , ALLARME E LINEE GUIDA:

Apri
ESISTE UNA CORRELAZIONE TRA MALATTIE PANCREATICHE E MALATTIA PARADONTALE?

Apri
C'E' UNA CORRELAZIONE TRA ASMA , MALATTIE RESPIRATORIE E SANGUINAMENTO GENGIVALE?

Apri
CORRELAZIONE TRA OBESITA' E MALATTIA PARADONTALE

Apri
Malattie parodontali e rischio di cancro al seno nelle donne in meno pausa.

Apri
IMPORTANZA DELLA VITAMINA D

Apri
GRAVIDANZA E MALATTIA PARADONTALE

Apri
Trascurare l`igiene orale potrebbe causare l`infarto

Apri
MAL DI SCHIENA E CURE ODONTOIATRICHE

Apri
I DISTURBI RESPIRATORI DEL SONNO : RUOLO DEGLI ODONTOIATRI

Apri
LEUCOPLACHIA VERRUCOSA PROLIFERATIVA

Apri
Traumi da occlusione ed effetti parodontali

Apri
Gli effetti del fluoruro stannoso sulla polpa e sulla dentina

Apri
L’alveolite post-estrattiva o alveolite secca

Apri
La lingua a carta geografica o glossite migrante benigna

Apri
La pericoronite del dente del giudizio

Apri
Perché un dente devitalizzato fa male?

Apri
Allineatori trasparenti: Invisalign e altri. Controinformazione.

Apri
Parliamo dell'uso della diga in odontoiatria

Apri
Diamo un calcio al mal di denti

Apri
L'importanza dell'approccio multidisciplinare: infezioni odontogene e fistole extraorali

Apri
IL BRUXISMO

Apri
LO SBIANCAMENTO DENTALE PROFESSIONALE

Apri
FRENULO LINGUALE CORTO E CARIE PREMATURA DENTI DA LATTE

Apri
ASSOCIAZIONE TRA GENGIVITE, PARODONTITE E MALATTIE SISTEMICHE

Apri
LA 'DEVITALIZZAZIONE DI UN DENTE': PERCHÈ SI ESEGUE, CON QUALI METODICHE E COSA COMPORTA

Apri
ENDODONZIA

Apri
IN GRAVIDANZA NON TRASCURATE L'IGIENE ORALE

Apri
LA SEDAZIONE COSCIENTE DIVENTA SEMPLICE E SICURA

Apri
PRIMO CASO IN ITALIA: DENTISTA SOSPESO DALLA PROFESSIONE PERCHÈ NON SI AGGIORNA

Apri
SALUTE DEL CAVO ORALE: L'EROSIONE DENTALE

Apri
BRUXISMO

Apri
PARODONTITE

Apri
Le cellule staminali possono rigenerare i denti dei bambini

Apri
Sorriso made in Italy: vale la pena andare all'estero?

Apri
Sedazione cosciente in odontoiatria

Apri
5 domande salva-gengive. Una App per fare il test. Inutili esame saliva e test genetici

Apri
ODONTOFOBIA - Paura del dentista per 6 persone su 10

Apri
L'anidride carbonica è sotto accusa perché può causare danni ai denti

Apri
Lo Xilitolo nel mantenimento della salute dentale

Apri
Diastema: è solo una questione Estetica?

Apri
Dentista e paziente HIV

Apri
Carie dentale, come prevenirla e cause: non è ereditaria, conta l'igiene

Apri
La dieta ideale per la salute dei nostri denti

Apri
La nevralgia del trigemino: che cos’è e come si cura?

Apri
Uso del collutorio: pro e contro

Apri
Le reazioni allergiche ad anestetici locali sono frequenti?

Apri
Lesioni endo-parodontali

Apri
Carie dentale: quando è necessaria la devitalizzazione?

Apri